Archivi tag: WomenDay

Women’s Day: faith & leadership alla Settembrini di Roma

Il 7 marzo la classe 3M dell’IC Settembrini di Roma ha partecipato ad un evento straordinario: l’incontro in  videoconferenza con Yeva Avakyan, consulente al “World Vision US”, esperta di pari opportunità e diritti del fanciullo. Nelle tre settimane precedenti all’all’incontro, la classe ha intrapreso un percorso di analisi e riflessione sul ruolo della donna:
1. Il ruolo della donna nella nostra comunità.
2. Il ruolo della donna nelle differenti confezioni di fede.
3. Le opportunità e le barriere per le donne nell’ambito della religione cattolica.
Durante la VC, che ha visto coinvolti anche gli allievi dell’IC Parini di Catania, Yeva Avakyan ha raccontato la sua esperienza come consulente nel tutelare gli interessi delle donne vittime di violenza e nella prevenzione del commercio dei bambini. Infine si è soffermata sul suo percorso di difesa dei diritti umani nelle diverse comunità in cui ha lavorato: in India, nell’Africa, nell’Asia e in Armenia.
I ragazzi delle due scuole hanno posto numerose domande, oggetto di riflessioni condivise. Alcune di queste hanno messo in luce il ruolo delle donne leader e la dimensione religiosa nella pratica delle diverse fedi. Hanno espresso pensieri profondi e si sono trovati d’accordo nel ritenere che necessita un’uguaglianza di genere non formale, ma sostanziale per eliminare gli stereotipi e per costruire azioni positive che promuovano i diritti economici, politici e sociali delle donne, espressione di civiltà e creatività.

La cultura delle pari opportunità, il rispetto della dignità della donna, la denuncia dei femminicidi, la nuova dimensione della cultura di genere,sono stati una vera lezione di educazione civica e di civiltà internazionale, che ha aperto ai ragazzi gli occhi sul mondo; un avvio a modificare il modo di pensare, di sentire e di agire nei confronti delle pari opportunità tra uomo e donna e della funzione e ruolo della donna nella società

Presentazione su Leadership Femminile – Classe 3M

a cura della prof.ssa Antonella Facchini

Giornata delle Donne, non solo mimosa. Al Parini di Catania videoconferenza con Yeva Avakyan

La prof.ssa Emmi con gli allievi

La prof.ssa Emmi con gli allievi

In occasione della festa internazionale della donna – “Women’s Day” – e in continuità con la celebrazione della giornata dei diritti umani, celebrata il 10 e il 12 dicembre presso l’Istituto “G. Parini”, gli alunni delle classi II O e II P, guidati dalle professoresse Silvia Emmi e Angela Pistone, si sono incontrati in videoconferenza con i coetanei dell’Istituto “Settembrini” di Roma ed insieme hanno seguito il collegamento con l’ospite d’eccezione Yeva Avakyan, consulente al “World Vision US”, esperta di pari opportunità e dei diritti del fanciullo.
In preparazione alla suddetta videoconferenza, la formazione degli alunni è stata incentrata sul tema del riconoscimento del ruolo della Donna nella società moderna, raffrontando il concetto di “femminilità” ed i diritti garantiti legalmente alle donne in contesti geografici e culturali differenti. Si è prestata attenzione tanto alle opportunità quanto alle barriere che le donne incontrano nella nostra comunità, non mancando di volgere uno sguardo critico alle violenze sulle donne e al diffuso e temuto fenomeno del femminicidio. Al contempo, è stato richiesto agli alunni di ricercare nella nostra comunità e fornire esempi di donne leader e di donne impegnate quotidianamente nella difesa dei diritti umani, soprattutto dei più deboli, valorizzando ulteriormente coloro le quali sono divenute modello di riferimento nel mondo.
Gli studenti, inoltre, sono stati invitati a ricercare informazioni sul ruolo della donna nei blog creati da docenti ed allievi delle scuole dei cinque continenti che hanno aderito al progetto “Face to Faith”. Il blog ed il forum rappresentano degli strumenti efficaci ed attendibili di apprendimento collaborativo e scambio di informazioni fra studenti delle scuole secondarie di I e II grado di tutto il mondo e permettono di cogliere il significato più profondo che la “Festa delle Donne”, come abbiamo preferito chiamarla, rappresenta in contesti e realtà diverse dalla nostra, comprendendo e valutando in modo equilibrato ed appropriato somiglianze e differenze culturali che incidono sulle scelte governative e sul modo di legiferare di Paese in Paese.
Il contributo formativo di Yeva Avakyan, durante la videoconferenza, è stato particolarmente rilevante dal momento che questa giovane donna armena, che presta servizio presso il “World Vision US”, organismo internazionale riconosciuto e supportato dalle Nazioni Unite, ha raccontato la sua esperienza lavorativa in diversi Paesi del mondo, in difesa dei diritti delle donne e dei fanciulli, non mancando di rispondere sinceramente alle domande poste dagli studenti italiani sia in merito al suo rapporto con i colleghi di sesso maschile che in riferimento alle sue esperienze sul campo. Yeva Avakyan è una donna innamorata del suo lavoro, impegnata fortemente con entusiasmo e dedizione, ma è anche un’eccellente fotografa, che, attraverso l’immagine, cerca di cogliere e trasferire emozioni e sfumature di un mondo riccamente variegato. Il suo contributo nei blog e nei forum creati all’interno della piattaforma “Face to Faith” non mancherà di enfatizzare il ruolo essenziale delle donne che, come lei, operano sul campo, anche in Paesi in guerra o dove sono presenti stridenti conflitti razziali e culturali.
Infine, la formazione degli studenti è stata incentrata anche sul ruolo della Donna in rapporto alla Fede, ponendosi quesiti e svolgendo ricerche sulle tradizioni che riguardano a tutt’oggi il ruolo della donna ed il concetto della femminilità nella Chiesa Cattolica; su quanto riportato nei testi religiosi sui temi del rispetto, dei diritti e delle opportunità; sul possibile ruolo che le donne potrebbero avere in futuro nella nostra società. Ginevra, alunna della 2° O dell’Istituto “G. Parini”, come ha sottolineato la mediatrice inglese Jo Malone da Londra, durante la videoconferenza ha dato una svolta particolare al dialogo, ricordando il contributo significativo di Papa Francesco nel valorizzare il ruolo della donna nella Chiesa Cattolica.
Gli alunni della scuola “Parini” e dell’istituto “Settembrini” hanno espresso pensieri profondi e si sono trovati d’accordo nel ritenere che è necessaria un’uguaglianza di genere non formale, ma sostanziale, per eliminare gli stereotipi e per costruire azioni positive che promuovano i diritti economici, politici e sociali delle donne, espressione di civiltà e creatività.
Per alunni e docenti, la giornata della donna, al di là della mimosa, è stata una vera lezione di educazione civica e di civiltà internazionale, che ha aperto gli occhi sul mondo, modificando il modo di pensare, di sentire e di agire nei confronti delle pari opportunità tra i sessi e della funzione e del ruolo della donna nella società.

articolo correlato su AetnaNEt

 

Il Progetto Face to Faith incontra i genitori all’I.C. “Città di Castiglion Fiorentino”

L'Assessore alle politiche sociali, Dott.ssa Sabrina Massini,  e il DS Dott.ssa Maria Giovanna Fabianelli introducono ai genitori il tema del'incontro  del 19 maggio 2014

L’Assessore alle politiche sociali, Dott.ssa Sabrina Massini, e il DS Dott.ssa Maria Giovanna Fabianelli introducono ai genitori il tema del’incontro del 19 maggio 2014

L’ultimo appuntamento della serie di incontri serali dal titolo “La scuola è aperta a tutti” su tematiche educative relative al mondo adolescenziale con la partecipazione di genitori ed alunni della Scuola Secondaria di I° Grado dell’I.C. “Città di Castiglion Fiorentino” – in collaborazione con Amministrazione Comunale, ASL ed UNICEF – ha ripercorso le tappe più significative delle attività svolte durante l’anno scolastico per il Progetto Face to Faith .
È stata l’occasione per puntualizzare le finalità del Progetto della Tony Blair Faith Foundation, attraverso  i lavori eseguiti dai ragazzi a livello grafico, artistico, poetico, musicale e ginnico, nonché attraverso l’uso delle nuove tecnologie.  In particolare gli alunni, lavorando in modo interdisciplinare, hanno sviluppato le tematiche relative ai diritti umani, ed  all’educazione alla pace creando eventi (Meeting per i diritti della donna)  per diffondere all’interno e fuori dalla scuola, la cultura del dialogo.
Nel corso dell’anno la crescita umana e sociale degli studenti è emersa, non solo durante le manifestazioni prettamente scolastiche, ma anche in videoconferenza e negli incontri con le altre scuole della Rete Dialogues della Toscana, dove gli interventi dei ragazzi hanno evidenziato la loro capacità di relazionarsi con interlocutori di più culture, in  contesti e situazioni differenti.
Durante l’appuntamento del 19 maggio, positive sono state le reazioni dei presenti, come dimostra la dichiarazione della Sig.ra Grazia Maria Sini, mamma di un’alunna che partecipa al medesimo progetto, che così si esprime commentando l’iniziativa «È stato molto interessante poter assistere, in occasione dell’ultimo appuntamento del ciclo “La scuola è aperta a tutti”, alla presentazione del lavoro svolto dai nostri figli nell’ambito del progetto “Face to Faith”…  Abbiamo avuto modo di constatare non solo l’impegno – richiesto e dato da alunni ed insegnanti- ma anche la complessità e la poliedricità delle varie iniziative partecipate… Per me è stato commovente ascoltare dalla stessa voce dei nostri  figli la lettura di alcuni brani, poesie e motti, composti ed interpretati da loro e riguardanti temi d’attualità scottante, quali la violenza verso le donne e lo sfruttamento dei bambini, che hanno mostrato la profondità di pensiero e la sensibilità  di cui loro sono capaci… »
La conclusione del percorso di un anno di intense attività  sulla scia delle proposte di Face to Faith, seguite con passione dalla Dott.ssa Giovanna Barzanò, Ispettrice Ministeriale responsabile del progetto in Italia, che ha presenziato alcune nostre iniziative,  è stata coronata con la scelta dell’I.C.”Città di Castiglion Fiorentino” quale scuola campione per la valutazione della competenza relativa alla cittadinanza attiva da parte di INVALSI, per la quale le classi selezionate nell’Istituto saranno appunto le due future classi terze coinvolte in Face to Faith!

http://www.youtube.com/watch?v=Xa7NpcoSlyE

Videoconferenze alla scuola media Casteller di Paese

La classe 3F  della Scuola Media Casteller di Paese (VE),  ha partecipato quest’anno a due videoconferenze: a febbraio , preparata dalle docenti Gabriella Teso e Stefania Donadello, partecipato classe ha aderito ad una VC Multipoint sui Festivals ( quattro scuole prenotate: Italo Calvino-Italia, Kovel City Gymnasium-Ukraina, Al Azahn Bintaro- Indonesia, I.C. CastellerPaese-Italia). Per difficoltà tecniche, solo la scuola dell’Ucraina (Kovel City Gymnasium) è riuscita a collegarsi; la VC è andata comunque molto bene, con interventi positivi da parte dei ragazzi che hanno comunicato con i loro coetanei imparando molto sulle loro tradizioni e feste ( comunità ortodossa) e condividendo emozioni e riflessioni sul significato delle festività; alla fine un nostro alunno di origine ukraina ha salutato in lingua madre e per lui ( e per tutta la classe) è stato molto emozionante.

A marzo la stessa classe, preparta dalle docenti Stefania Donadello e Paola Priore,  ha partecipato ad una VC Multipoint sulle donne in occasione della festa delle donne con altre tre scuole : I.C. Silea-Italia, Inghilterra ed Ucraina.
Durante la videoconferenza è emersa l’importanza della figura femminile per tutti i ragazzi e in particolar modo della figura materna come punto di riferimento basilare nella vita di tutti i giorni e della figura di Maria per quanto riguarda la religione cattolica.
I ragazzi hanno , dunque, condiviso le loro esperienze di vita quotidiana e religiosa; il dialogo si è poi allargato anche citando alcune donne famose ( come scrittrici) nel proprio paese.