Archivi tag: HumanRightDay

#HUMANRIGHTS 2015 all’IC Mattei di Meolo

Notizia a cura di Lorenza Marson, IC Mattei di Meolo (VE)

Dicembre 2015

Dicembre 2015 all’IC Mattei di Meolo

Sarà per i fatti di Parigi, sarà perché è rimasta coinvolta una ragazza di Venezia, sarà perché nella nostra scuola l’educazione ai diritti umani è diventata una tappa fondamentale, ma quest’anno il percorso #HUMANRIGHTS per i miei alunni è stato ricco, coinvolgente e particolarmente significativo.
Al percorso proposto da FTF, adattato alla nostra realtà, arricchito da una emozionante Videoconferenza, abbiamo affiancato un momento celebrativo   nella giornata del 10 dicembre e un’esperienza di creatività di gruppo .

E qui la sorpresa … perché noi insegnanti a volte … anzi… spesso … quando avviamo un nuovo percorso, una nuova esperienza di carattere creativo che dovrebbe approdare ad un elaborato finale, abbiamo già in mente dove vogliamo arrivare e cerchiamo di “dirottare” i ragazzi verso la strada che a noi sembra migliore … quest’anno la mia idea era super … qualche piccola spinta, qualche suggerimento… la parola giusta e …. Niente … la mia idea è rimasta nel cassetto … ed è giusto così … sono sbocciati ben altri fiori…

… ma procediamo con ordine …

Tra le risorse didattiche del modulo “Human Rights” di FTF c’è una preziosa scheda contenente tutti gli articoli in italiano e inglese corredati dai link a brevi video reperibili su You Tube … pochi minuti per video ma di una efficacia immediata!
E’ qui che è partita la proposta ai ragazzi delle nostre due classi terze: perché non proviamo noi stessi a produrre degli “spot” capaci di stimolare la riflessione sul rispetto dei diritti fondamentali dell’uomo? E così, accanto al lavoro di approfondimento, di ricerca, di lettura e riflessione delle varie tematiche (curato dai docenti di lettere, inglese e religione) ne è partito uno creativo, in piccoli gruppi di lavoro possibile grazie alla presenza a scuola di due educatrici del Progetto Minori (in collaborazione con l’amministrazione comunale e l’azienda sanitaria locale).
Alla fase di ideazione è subentrata la realizzazione dei prodotti (video, cartelloni animati, presentazioni… scenette…) un po’ a scuola, un po’ a casa fino alla produzione dei primi elaborati che hanno avuto bisogno di essere RIvisti, RIcostruiti , RIpensati … tanto che la ricchezza del percorso sta proprio nell’azione di RIvisitazione delle prime bozze … E sono così nati 5 video che presenteremo alla cittadinanza il 30 gennaio 2015 come segnale di speranza nel ricordo della “Giornata della Memoria”.

STOP BULLYING

HUMAN RIGHTS

THE RIGHT TO LIFE

THE RIGHT TO PRIVACY

Il 10 dicembre – “Human Right Day 2015” – ha per noi poi rappresentato l’occasione di allargare la riflessione a tutti gli altri studenti semplicemente unendoci in un unico grande cerchio. Novantanove ragazzi stretti insieme, ciascuno con una simbolica stella bianca in mano come se fosse una luce da accendere nel ricordo di tutte le vittime di chi ha calpestato i diritti di uomini, donne, bambini, anziani, disabili di ogni luogo e tempo …. Bob Dylan e la sua “Blowing in the wind” come sottofondo alla lettura di una riflessione comune.

Qualche ora dopo, nella stessa giornata, attesa Videoconferenza con la Holland Hall School di Tulsa in Oklahoma in ascolto attento della relatrice ospite, Ameena Jandali [Ameena Jandali è membro fondatore dell’ Islamic Networks Group, associazione americana che si occupa di far conoscere l’Islam e le tematiche ad esso collegato nelle scuole e  in altre istituzioni N.d.R.].

Videoconferenza del 10.12.15Ameena ha cercato di far capire ai ragazzi quanto il rispetto, la tolleranza, la comprensione e l’accoglienza siano valori fondamentali nella religione islamica quanto nelle altre religioni. Al termine della VC, un nostro alunno ha fatto notare che è tempo che il linguaggio dei mass media abbandoni tutte le parole che incitano all’odio sostituendole con parole di pace.

PS: … a proposito… la mia idea iniziale rimane in uno dei cassetti nella mia testa … pronta a uscire quando qualche alunno troverà la chiave per aprire il cassetto giusto

“Uniti per i diritti” alla Nievo-Matteotti di Torino

WP_20141218_15_09_03_Pro - CopiaIl  18 dicembre scorso un centinaio di ragazzi della SMS NIevo Matteotti di Torino hanno incontrato esponenti Torinesi di diverse  associazioni che si occupano di Diritti Umani; scopo dell’iniziativa era rifletter insieme su quanto  sia importante  trasformare le parole enunciate nelle varie Carte e Convenzioni internazionali in pratica quotidiana. Il passaggio dai diritti sulla “Carta” ai diritti nella vita può e deve avvenire; promuovere i diritti si può fare anche semplicemente vivendo secondo il principio del rispetto della persona.
Ospiti della giornata son stati Davide Demichelis (giornalista di Rai 3 , curatore del programma RADICI); Chiara Montrucchio (infettivologia con recente esperienza in Africa),  Euro Carello (responsabile di Emergency per il settore Scuola); Michela, Beatrice e Roberta (volontari di Save The Children) .

In resoconto della giornata, vissuto dalla parte di un relatore, si trova nel blog di Save The Chlldren

notizia segnalata dalla docente Agata Arena

 

Un anno per i diritti civili all’IC Martiri di Civitella Val di Chiana

CITTADINANZANel primo anno di adesione alla ReteDialogues, l’IC Maritiri di Civitella Val di Chiana segnala in particolare due iniziative che hanno riguardato i diriti civili.

Il 30 novembre presso l’Auditorium della scuola media si è svolto un COnsiglio comunale aperto , durante il quale è stata conferita la cittadinanzz onoraria a tutti gli alunni dell’istituto nati in Italia da genitori stranieri.  I ragazzi della scuola hanno realizzato un dettagliato  servizio giornalistico della cerimonia.

Il 9 maggio si è poi svolta la Marcia per la pace e l’accoglienza da S.Pancrazio (Bucine, AR) a Civitella in Val di Chiana (AR) con gli studenti di tutti i comprensivi dei Comuni coinvolti, per una memoria che vuole accogliere senza dimenticare nel 70° anniversario della Strage nazi-fascista di Civitella. Anche in questa occasione è stato realizzato un interessante reportage

notizia segnalaa dai Proff. Chiara Savini, Linda Faralli, Iasmina Santini

Ma… alla fine abbiamo realizzato le VCs all’I.C. Garibaldi/Pascoli di Bari.

Nel corrente anno scolastico, dopo  innumerevoli difficoltà dovute all’ ammodernamento della RETE nella nostra storica scuola, finalmente, abbiamo realizzato con grande piacere e soddisfazione da parte di alunni e docenti, le nostre prime VCs in tema di Festivals e Human rights e dopo l’approfondimento dei relativi materiali messici a disposizione dal Programma FACE TO FAITH. Durante la prima videoconferenza (6 giugno) ci siamo collegati con  due scuole italiane: l’ I.C. Paolo Soprani e l’ I.C. Città di Castiglion Fiorentino e abbiamo parlato di festività, soprattutto, approfondendo quelle collegate al  Santo Patrono delle nostre località. Nella seconda (12 giugno), partendo dal concetto di DIRITTO UMANO, abbiamo fatto analizzare e riflettere ogni singolo studente su un diritto umano, a scelta, focalizzando l’attenzione sul linguaggio dell’odio e quello dell’amore (HATE SPEECH vs LOVE SPEECH). Si sono, infine, raccolti i vari contributi dei ragazzi che potrete leggere nei files allegati. Lavoro interessante e utile alla costruzione di personalità pronte ad accogliere e rispettare ogni diversità, a dialogare con ogni essere umano e a difendere i diritti a ogni latitudine  longitudine del globo terrestre.

Annalisa Campobasso (Conctat Teacher, L2)

faith communities

Face to faith class III D Scuola media Pascoli Bari Italy

AGENDA ON HUMAN RIGHTS

“Perché tutto cambi…” un caleidoscopio di iniziative dell’I.C. Parini di Catania per celebrare la giornata dei Diritti Umani

Il giorno 10 dicembre, nell’I.C. ‘G. Parini’ di Catania, si è insediato, il nuovo Consiglio Comunale dei Ragazzi. L’evento, che fa parte di un progetto ideato e coordinato a livello nazionale dal preside Giuseppe Adernò, ex dirigente della scuola e componente del Comitato Scientifico Dirigenti delle Rete Dialogues, è sentito come orgoglioso distintivo da parte di tutta la comunità scolastica che lo accompagna con viva partecipazione in tutte le sue fasi, dalla propaganda elettorale alle operazioni di voto, spoglio, giuramento degli assessori, consiglieri e baby sindaco.
Quest’anno, per volontà della neodirigente Carmela Trovato, e grazie al supporto delle prof.sse Silvia Emmi e Angela Pistone, docenti e referenti F2F della scuola, il tradizionale insediamento si è trasformato in una due giorni di festa celebrativa dei Diritti Umani che ha raggiunto un numeroso pubblico di genitori.

La giornata è stata arricchita da un’interessante  tavola rotonda (a cui hanno partecipato i rappresentanti catanesi  del Soroptimist International Club e dell’UNICEF) e dai ritmi del gruppo musicale Ipercussonici, che con le loro sonorità provenienti da svariate tradizioni e culture hanno rivolto al pubblico un invito alla contaminazione dei saperi, al rispetto delle diversità, alla lotta pacifica contro il nucleare in Italia e alla lotta alla mafia


Gli interventi di Rita Toro (lead teacher F2F) e del Preside Giuseppe Adernò, sui valori fondanti del percorso formativo F2F, hanno preannunciato la pièce teatrale Talking back to hate scritta e rappresentata dagli alunni della II O e della II P.  “Se potessimo intessere nel mondo una trama di dialogo rispettoso, di solidarietà e fratellanza, il dolore e la sofferenza si dissolverebbero come tante bolle di sapone…”. “Oggi più che mai l’esempio e il messaggio di tutti i personaggi che hanno lottato per i diritti umani non possono cadere nell’oblio, bisogna continuare la loro lotta contro ‘tutte le lebbre’: egoismo, ignoranza, indifferenza, viltà…”. “Intessendo un filo di speranza noi giovani possiamo costruire un mondo pieno di valori in cui i diritti umani trionfino”. “ll linguaggio dell’amore risveglia le coscienze e crea l’armonia tra gli uomini, perché esso consolida la pace nel mondo.”

L’evento ha stimolato spunti di riflessione per la Videoconferenza di giorno 12 dicembre. Durante la Videoconferenza i ragazzi della II O e della II P hanno riflettuto sulle risposte da dare al linguaggio dell’odio e si sono confrontati con gli alunni dell’Istituto Comprensivo ‘Mattei di Meolo’ di Venezia. E soprattutto hanno tratto gocce di saggezza dall’intenso dialogo con Jaspreet Singh, lo Special Guest che si trovava a New York.  Avendo vissuto anche in India e essendosi poi trapiantato in America, Jaspreet Singh, avvocato sikh che lotta quotidianamente per la difesa e tutela dei diritti umani, ha raccontato la sua esperienza di vita, non tralasciando quegli eventi giovanili che hanno segnato le sue scelte professionali e che lo hanno indotto, in un’ardente lotta pacifica, a spendersi in prima persona per garantire pari opportunità, integrazione interculturale, dialogo rispettoso fra le culture.

 

I Diritti dei Rifugiati sono Diritti Umani alla SMS Bobbio di Torino

Chi sono i rifugiati? Perchè scappano dal loro paese, affrontando viaggi pericolosi, dall’esito incerto e troppo spesso fatale?  L’Italia è obbligata ad accoglierli? Se sì, come?
Le tragiche morti  nel mare di Lampedusa hanno suscitato tanti interrogativi negli allievi della 1AA della Scuola Media Bobbio, di Torino, tanto da farne la Notizia del Mese  nel giornalino di classe.
Per rispondere alle tante domande, In occasione della giornata dei Diritti Umani dello scorso dicembre,  è stato organizzato un incontro in classe con Yagoub Kibeida, dell’Associazione Mosaico – Azione per i Rifugiati, che accompagna queste persone nel loro percorso di integrazione in Italia. DIversi aspetti della questione sono stati affrontati: la differenza tra migranti e rifugiati, le zone del mondo da dove provengono la maggior parte di questi ultimi, le disposizioni internazionali in materia … particolarmente affascinante per i ragazzini è stato poter interagire con un testimone diretto della condizione dei rifugiati, e alle domande sull’esperienza professionale si sono aggiunte quelle sull’ esperienza personale del relatore, contribuendo a rendere il clima dell’incontro meno formale e più spontaneo.